decumani - centrale del caffè

Napoli e i 3 decumani: tra curiosità e storia

decumani di Napoli risalgono al VI secolo A.C..

Messi a punto al fine di realizzare una divisione razionale dell’antico centro urbano, le tre strade, incrociate tra loro da viuzze dette cardini creano la tipica pianta a scacchiera del reticolato napoletano.

decumani - napoli

I decumani, paralleli tra loro e alla costa prendono rispettivamente il nome di: superiore, maggiore ed inferiore.

Il decumano maggiore, l’attuale Via dei Tribunali, è il più largo e il più importante della città. Se per gli antichi rappresentava il centro nevralgico degli interessi della cittadinanza, oggi rimane uno dei posti più affascinanti del capoluogo campano, fatto di scorci unici nel suo genere e di opere d’arte dal valore inestimabile.

Il decumano superiore, che corrisponde a via dell’Anticaglia, è quello che ha subito maggiori stravolgimenti. L’originario aspetto lineare risulta oggi perduto, a causa dei numerosi rifacimenti avvenuti nel corso dei secoli.

Il decumano inferiore, meglio conosciuto con il nome di Spaccanapoli, in quanto divide perfettamente la città antica tra nord e sud. Se in un primo momento il tracciato sorgeva a Piazza San Domenico Maggiore per proseguire fino all’altezza di Via Duomo, il decumano si è poi allungato fino ad inglobare l’attuale Piazza del Gesù Nuovo.

Ed è proprio su quest’ultimo che, nelle vicinanze dell’imponente Chiesa di Santa Chiara e del suo magnifico Chiostro, sorgeCentrale del caffè. Un luogo simbolo, fatto di storia ed architettura, che racchiude in sé i valori dei nostri prodotti.

Da piazza del Gesù, ove affaccia l’imponente Chiesa del Gesù Nuovo in stile gotico, si prosegue in un percorso unico, fatto di piccoli negozietti, fiore all’occhiello dell’artigianato locale, rinomate pizzerie ed imponenti luoghi di culto. Immancabile la passeggiata per San Gregorio Armeno, via che da qui si dirama e che tutto l’anno mostra agli occhi increduli di turisti di tutto il mondo le bellezze dell’arte presepiale.

 

Caffè Centrale rispetta la cultura di una città ricca di memorie, onorando quotidianamente la tradizione e il culto del vero caffè napoletano.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *